Bread and roses a Milano

.BREAD AND ROSES ALLA FONDAZIONE ARNALDO POMODORO DI MILANO

Fino al 17 luglio
Non si vive di solo pane. Lo aveva capito Marx, che a proposito dei bisogni umani coniò la famosa espressione “Il pane e le rose” per sottolineare che l’uomo è materia e spirito e deve quindi provvedere a soddisfare le due sfere fondamentali della sua essenza. Il bisogno profondo di nutrirsi di legami e progetti affettivi e il bisogno di coltivare passioni, di acquisire saperi, di intessere rapporti sociali.
L’immagine che il curatore Marco Meneguzzo ha voluto imprimere alla mostra è quella dell’arte come metafora del problema, piuttosto che come documento dell’esistente. La mostra raccoglie 5 artisti contemporanei, Gianni Caravaggio, Loris Cecchini, Chiara Dynys, Pino Deodato e Giuseppina Giordano, autori di generazioni diverse che, in occasione di EXPO, elaborano il tema “nutrire il pianeta” attraverso metafore fantastiche che si allontanano dall’immediata relazione col problema, ma che vi ritornano sottilmente e in maniera più universale e duratura sotto la spinta potente dell’allegoria. Opere che ben interpretano i bisogni vitali dell’uomo, a cui è necessario sia il nutrimento materiale che il cibo spirituale, fatto di emozioni e di affetti; e diverse per linguaggi, dimensioni, tecniche e materiali.
www.fondazionearnaldopomodoro.it 

 

 

Written by admin